Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione 
Pagina 1 di 2
Vai a 1, 2  Successivo
 
Scalpelli Anneriti? Ossidati?
Autore Messaggio
Rispondi Citando Download Messaggio 
Messaggio Scalpelli Anneriti? Ossidati? 
 
Nemmeno 2 miseri euro per 150ml.. e il suo sporco lavoro lo fa sempre. Bastano pochi secondi.
Lo usavo 40 anni fa.. ed è ancora in giro. Un evergreen. :)

Sarò un vecchio nostalgico ma il Sidol è sempre il Sidol :)

 Image
 



 
ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando Download Messaggio 
Messaggio Re: Scalpelli Anneriti? Ossidati? 
 
  
 




____________
--------------------------------------------------------------
.........Tùpac Amaru II............
------------------------------------
Massimo
 
ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando Download Messaggio 
Messaggio Re: Scalpelli Anneriti? Ossidati? 
 
Il buon vecchio Sidol!
Tante volte ci danniamo a cercare cose che abbiamo sotto al naso; anche perché le possibilità di scelta sono diventate così tante che siamo disorientati.
 Venti o trenta anni fa non avrei avuto dubbi, avrei tranquillamente messo mano al flacone di Sidol, presente in ogni casa, credo. Ora quasi non mi ricordavo più di questo prodotto ed avrei iniziato ad esplorare gli scaffali del brico o fatto ricerche in rete, chiesto consigli sui forum, ecc...  Sempre con il dubbio di fare la scelta giusta..
 



 
ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando Download Messaggio 
Messaggio Re: Scalpelli Anneriti? Ossidati? 
 
Bric ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Il buon vecchio Sidol!
Tante volte ci danniamo a cercare cose che abbiamo sotto al naso; anche perché le possibilità di scelta sono diventate così tante che siamo disorientati.
 Venti o trenta anni fa non avrei avuto dubbi, avrei tranquillamente messo mano al flacone di Sidol, presente in ogni casa, credo. Ora quasi non mi ricordavo più di questo prodotto ed avrei iniziato ad esplorare gli scaffali del brico o fatto ricerche in rete, chiesto consigli sui forum, ecc...  Sempre con il dubbio di fare la scelta giusta..


Hai centrato perfettamente il problema.
 



 
ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando Download Messaggio 
Messaggio Re: Scalpelli Anneriti? Ossidati? 
 
Quello nella foto è nuovo......, io ne dovrei avere uno di  trent'anni fa! Originale,  della mia mamna. Chissà  se funge ancora?
 




____________
.........Gianni........

"non è perchè sono a dieta, che non posso leggere il menù"!
( A.B.)
 
ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando Download Messaggio 
Messaggio Re: Scalpelli Anneriti? Ossidati? 
 
homofaber ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Quello nella foto è nuovo......, io ne dovrei avere uno di  trent'anni fa! Originale,  della mia mamna. Chissà  se funge ancora?


Beh.. fresco fresco non è :) Provalo e facci sapere. Io ora lo uso dopo i restauri di cose vecchie ed arrugginite. Dopo il bagno elettrolitico i metalli tendono ad annerire ed il sidol li fa risplendere, come le fibbie ai tempi della naia.
 



 
ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando Download Messaggio 
Messaggio Re: Scalpelli Anneriti? Ossidati? 
 
Ciao Ray Donovan! A volte si trovano scalpelli vecchi e anche arrugginiti, per pochi euro. Tu come fai il ciclo di restauro? Ho visto che hai menzionato l'elettrolisi... Io non la conosco e la eviterei, ma se c'è da spazzolare e sfregare, non mi tiro indietro 😄
 



 
ProfiloInvia Messaggio PrivatoGalleria Personale 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando Download Messaggio 
Messaggio Re: Scalpelli Anneriti? Ossidati? 
 
clodoveo ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Ciao Ray Donovan! A volte si trovano scalpelli vecchi e anche arrugginiti, per pochi euro. Tu come fai il ciclo di restauro? Ho visto che hai menzionato l'elettrolisi... Io non la conosco e la eviterei, ma se c'è da spazzolare e sfregare, non mi tiro indietro 😄


Se vuoi evitare l'elettrolisi puoi usare l'acido citrico. Soluzione dal 3% al 10% in acqua calda. Puoi aggiungere sapone se vuoi. Durante il bagno puoi muovere i pezzi e strofinarli con spugna metallica.I risultati sono buoni. Prima il pezzo andrebbe un po' ripulito con una spazzola dagli eccessi di ruggine e se necessario anche sgrassato.
Alla fine sciacquare bene e asciugare, passare alla lucidatura con smerigliatrice da banco con spazzola di ottone, oppure sisal, poi stracci o cotone con vari tipi di pasta abrasiva, tipo nera, verde e bianca. Per pezzi piccoli o difficili da raggiungere uso il dremel.
Alla fine wd-40 prima di riporre l'utensile. Se nel tempo tendono a riprendere la patina scura una passata di sidol o similari e riprendono lucentezza.

L'elettrolisi a mio avviso è migliore. Spesa ridicola, pulizia migliore, più veloce, nessuna fatica.

 Image
 



 
ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando Download Messaggio 
Messaggio Re: Scalpelli Anneriti? Ossidati? 
 
Immersione in aceto per 24h, sciacquare con acqua, asciugare bene e spazzola metallica anche azionata dal trapano  
 




____________
MEASURE ONCE, CUT TWICE.
Image
 
ProfiloInvia Messaggio PrivatoGalleria Personale 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando Download Messaggio 
Messaggio Re: Scalpelli Anneriti? Ossidati? 
 
Non avevo pensato al Sidol (che ho in casa da anni poiché lo uso per pulire il piano della "stufa economica" a legna).
Siccome mi diletto anche a restaurare attrezzi antichi, ho provato quasi tutti i metodi per togliere la ruggine (tranne l'EVAPORUST che costicchia ma prima o poi lo proverò).
L'aceto funziona (molto lentamente) ma non va bene quando la ruggine è tanta (provato anche in combinazione con bicarbonato), e comunque è un processo molto lento.
Ho provato con successo anche l'elettrolisi, ma avendo un alimentatore con pochissimo amperaggio, la cosa è andata anche qui molto per le lunghe.
La smerigliatrice è quasi sempre la cosa più veloce....  
 




____________
Paolo
 
ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando Download Messaggio 
Messaggio Re: Scalpelli Anneriti? Ossidati? 
 
C'erano anche questi! Image

Interessante l'elettrolisi, anodo o catodo e cosa si mette nell'acqua? Ho un vecchio caricabatterie, anni 70 a 6-12 volts, va bene? Ampère ne regge 4 o 5...
E di anodizzazione? Dovrei rettificare la guida della troncatrice, ma poi va ri anodizzata
 




____________
Ciao,
Alberto
 
ProfiloInvia Messaggio PrivatoGalleria Personale 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando Download Messaggio 
Messaggio Re: Scalpelli Anneriti? Ossidati? 
 
AlbertoA ha scritto: [Visualizza Messaggio]
C'erano anche questi! Image

Interessante l'elettrolisi, anodo o catodo e cosa si mette nell'acqua? Ho un vecchio caricabatterie, anni 70 a 6-12 volts, va bene? Ampère ne regge 4 o 5...
E di anodizzazione? Dovrei rettificare la guida della troncatrice, ma poi va ri anodizzata


Quanto segue è il mio metodo, frutto di ricerche fatte su internet volte a trovare un sistema semplice e non pericoloso di eseguire il procedimento.
Lo uso da tempo senza conseguenze negative su utensili di acciaio come chiavi inglesi, scalpelli ed altro. Mai provata su altri materiali.
Se qualcuno desidera replicarlo SCONSIGLIO VIAMENTE di apportare modifiche alla procedura che indico a meno che non si sappia esttamente cosa si sta facendo.


- Vaschetta di plastica delle dimensioi necessarie
- Barre di ferro FE45 sacrificali agli angoli della vaschetta, poste internamente, che sporgono oltre la superficie dell'acqua, unite nella parte che emerge con del filo elettrico che deve rimanere fuori dall'acqua. Vanno fissate in modo che non si muovano perchè non dovranno mai venire a contatto con il materiale arrugginito che immergerete in acqua.
- in acqua io metto del bicarbonato di sodio per accelerare il processo (volendo questo si può evitare).
- per la corrente uso un vecchio alimentatore da cellulare da 12v 1,5A a cui ho tolto il terminale, diviso e spellato i due cavi mettendo dei galletti alle estremità, rosso sul positivo e nero sul negativo.
- Metto il pezzo arrugginito in acqua collegato ad un filo elettrico a cui attacco il galleto nero (-). Il pezzo NON deve toccare gli anodi o il filo che li collega.
- Ad uno degli anodi collego (IN SUPERFICIE FUORI DALL'ACQUA) il galletto rosso (+)
- Collego l'alimentatore alla presa elettrica
- Lascio in ambiente ventilato fino al termine del processo (la cui durata dipende molto dalla quantità di ruggine da eliminare)

Per chi volesse provare:

Il tipo di metallo usato per gli anodi e la sostanza che dissolvete in acqua per accelerare il processo modificano la reazione chimica e si possono sprigionare gas tossici o infiammabili. Molte ricette che trovare su internet usano soda caustica ed altri prodotti per accelerare la reazione ma sono più pericolosi per la salute e la vostra incolumità.

In internet ci sono molte documentazioni fotografiche sul processo. Il mio consiglio è di dare uno sguardo prima di provare.. così sarete più sicuri sul da farsi. Il processo è banale e sicuro se fatto bene (ed a farlo bene ci vuole veramente poco), imprevedibile e pericoloso se fatto male.

Non usatelo per le raspe o le lime.

le barre che fungono da anodo è opportuno che siano di comune ferro (tentare con altri materiali, incluso l'acciaio inox, è altamente sconsigliato per via delle possibili reazioni chimiche non volute e pericolose). A meno non siate dei chimici lasciate perdere gli esperimenti.  

QUANTO SOPRA INDICATO E' IL MIO METODO, FUNZIONA, MA NON SONO UN CHIMICO. E' IL METODO PIU' SEMPLICE TROVATO SU INTERNET.
SE A VOSTRO AVVISO CI SONO ERRORI E' OLTREMODO GRADITO UN VOSTRO INTERVENTO A CORREGGERE QUANTO DA ME SCRITTO.
 



 
Ultima modifica di RayDonovan il Mer 06 Mar, 2019 08:14, modificato 1 volta in totale 
ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando Download Messaggio 
Messaggio Re: Scalpelli Anneriti? Ossidati? 
 
RayDonovan ha scritto: [Visualizza Messaggio]

QUANTO SOPRA INDICATO E' IL MIO METODO, FUNZIONA, MA NON SONO UN CHIMICO. E' IL METODO PIU' SEMPLICE TROVATO SU INTERNET.
SE A VOSTRO AVVISO CI SONO ERRORI E' OLTREMODO GRADITO UN VOSTRO INTERVENTO A CORREGGERE QUANTO DA ME SCRITTO.

Anch'io mi sono affidato alla rete (nello specifico, su Youtube) per capire ed imparare il procedimento.
Si trovano decine di filmati esplicativi.
Confermo la pericolosità di alcuni metodi (soda caustica, acidi vari ecc.), i quali sprigionano gas altamente tossici, quindi SE provate queste soluzioni, statevene SEMPRE all'aria aperta (ci sono anche rischi di esplosioni).
Con il bicarbonato (che serve per accelerare il processo) è una cosa più "soft".
La mia esperienza con il vecchissimo alimentatore 220-->12V è che, meno amperaggio si usa, più lungo sarà il processo di catalizzazione dell'ossido.
Ovvio che non bisogna esagerare. Mi pare che con amperaggi superiori a 4 (ma inferiori a 10, se ho capito bene) possano bastare 12/24 ore per fare un buon lavoro.
Essenziali prima di cominciare: una pulizia grossolana del grosso della ruggine e una sgrassatura (va bene lo chanteclaire o come diavolo si chiama....).
 




____________
Paolo
 
Ultima modifica di manodayak il Mer 06 Mar, 2019 09:41, modificato 1 volta in totale 
ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando Download Messaggio 
Messaggio Re: Scalpelli Anneriti? Ossidati? 
 
RayDonovan ha scritto: [Visualizza Messaggio]
AlbertoA ha scritto: [Visualizza Messaggio]
C'erano anche questi! Image

Interessante l'elettrolisi, anodo o catodo e cosa si mette nell'acqua? Ho un vecchio caricabatterie, anni 70 a 6-12 volts, va bene? Ampère ne regge 4 o 5...
E di anodizzazione? Dovrei rettificare la guida della troncatrice, ma poi va ri anodizzata


Quanto segue è il mio metodo, frutto di ricerche fatte su internet volte a trovare un sistema semplice e non pericoloso di eseguire il procedimento.
Lo uso da tempo senza conseguenze negative su utensili di acciaio come chiavi inglesi, scalpelli ed altro. Mai provata su altri materiali.
Se qualcuno desidera replicarlo SCONSIGLIO VIAMENTE di apportare modifiche alla procedura che indico a meno che non si sappia esttamente cosa si sta facendo.


- Vaschetta di plastica delle dimensioi necessarie
- Barre di ferro FE45 sacrificali agli angoli della vaschetta, poste internamente, che sporgono oltre la superficie dell'acqua, unite nella parte che emerge con del filo elettrico che deve rimanere fuori dall'acqua. Vanno fissate in modo che non si muovano perchè non dovranno mai venire a contatto con il materiale arrugginito che immergerete in acqua.
- in acqua io metto del bicarbonato di sodio per accelerare il processo (volendo questo si può evitare).
- per la corrente uso un vecchio alimentatore da cellulare da 12v 1,5A a cui ho tolto il terminale, diviso e spellato i due cavi mettendo dei galletti alle estremità, rosso sul positivo e nero sul negativo.
- Metto il pezzo arrugginito in acqua collegato ad un filo elettrico a cui attacco il galleto nero (-). Il pezzo NON deve toccare gli anodi o il filo che li collega.
- Ad uno degli anodi collego (IN SUPERFICIE FUORI DALL'ACQUA) il galletto rosso (+)
- Collego l'alimentatore alla presa elettrica
- Lascio in ambiente ventilato fino al termine del processo (la cui durata dipende molto dalla quantità di ruggine da eliminare)

Per chi volesse provare:

Il tipo di metallo usato per gli anodi e la sostanza che dissolvete in acqua per accelerare il processo modificano la reazione chimica e si possono sprigionare gas tossici o infiammabili. Molte ricette che trovare su internet usano soda caustica ed altri prodotti per accelerare la reazione ma sono più pericolosi per la salute e la vostra incolumità.

In internet ci sono molte documentazioni fotografiche sul processo. Il mio consiglio è di dare uno sguardo prima di provare.. così sarete più sicuri sul da farsi. Il processo è banale e sicuro se fatto bene (ed a farlo bene ci vuole veramente poco), imprevedibile e pericoloso se fatto male.

Non usatelo per le raspe o le lime.

le barre che fungono da anodo è opportuno che siano di comune ferro (tentare con altri materiali, incluso l'acciaio inox, è altamente sconsigliato per via delle possibili reazioni chimiche non volute e pericolose). A meno non siate dei chimici lasciate perdere gli esperimenti.  

QUANTO SOPRA INDICATO E' IL MIO METODO, FUNZIONA, MA NON SONO UN CHIMICO. E' IL METODO PIU' SEMPLICE TROVATO SU INTERNET.
SE A VOSTRO AVVISO CI SONO ERRORI E' OLTREMODO GRADITO UN VOSTRO INTERVENTO A CORREGGERE QUANTO DA ME SCRITTO.


ottima spiegazione
 



 
ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando Download Messaggio 
Messaggio Re: Scalpelli Anneriti? Ossidati? 
 
RayDonovan ha scritto: [Visualizza Messaggio]


Quanto segue è il mio metodo, frutto di ricerche fatte su internet volte a trovare un sistema semplice e non pericoloso di eseguire il procedimento.
Lo uso da tempo senza conseguenze negative su utensili di acciaio come chiavi inglesi, scalpelli ed altro. Mai provata su altri materiali.
Se qualcuno desidera replicarlo SCONSIGLIO VIAMENTE di apportare modifiche alla procedura che indico a meno che non si sappia esttamente cosa si sta facendo.


- Vaschetta di plastica delle dimensioi necessarie
- Barre di ferro FE45 sacrificali agli angoli della vaschetta, poste internamente, che sporgono oltre la superficie dell'acqua, unite nella parte che emerge con del filo elettrico che deve rimanere fuori dall'acqua. Vanno fissate in modo che non si muovano perchè non dovranno mai venire a contatto con il materiale arrugginito che immergerete in acqua.
- in acqua io metto del bicarbonato di sodio per accelerare il processo (volendo questo si può evitare).
- per la corrente uso un vecchio alimentatore da cellulare da 12v 1,5A a cui ho tolto il terminale, diviso e spellato i due cavi mettendo dei galletti alle estremità, rosso sul positivo e nero sul negativo.
- Metto il pezzo arrugginito in acqua collegato ad un filo elettrico a cui attacco il galleto nero (-). Il pezzo NON deve toccare gli anodi o il filo che li collega.
- Ad uno degli anodi collego (IN SUPERFICIE FUORI DALL'ACQUA) il galletto rosso (+)
- Collego l'alimentatore alla presa elettrica
- Lascio in ambiente ventilato fino al termine del processo (la cui durata dipende molto dalla quantità di ruggine da eliminare)

Per chi volesse provare:

Il tipo di metallo usato per gli anodi e la sostanza che dissolvete in acqua per accelerare il processo modificano la reazione chimica e si possono sprigionare gas tossici o infiammabili. Molte ricette che trovare su internet usano soda caustica ed altri prodotti per accelerare la reazione ma sono più pericolosi per la salute e la vostra incolumità.

In internet ci sono molte documentazioni fotografiche sul processo. Il mio consiglio è di dare uno sguardo prima di provare.. così sarete più sicuri sul da farsi. Il processo è banale e sicuro se fatto bene (ed a farlo bene ci vuole veramente poco), imprevedibile e pericoloso se fatto male.

Non usatelo per le raspe o le lime.

le barre che fungono da anodo è opportuno che siano di comune ferro (tentare con altri materiali, incluso l'acciaio inox, è altamente sconsigliato per via delle possibili reazioni chimiche non volute e pericolose). A meno non siate dei chimici lasciate perdere gli esperimenti.  

QUANTO SOPRA INDICATO E' IL MIO METODO, FUNZIONA, MA NON SONO UN CHIMICO. E' IL METODO PIU' SEMPLICE TROVATO SU INTERNET.
SE A VOSTRO AVVISO CI SONO ERRORI E' OLTREMODO GRADITO UN VOSTRO INTERVENTO A CORREGGERE QUANTO DA ME SCRITTO.


Un errore me lo sono trovato da solo. I cavi elettrici li collego ovviamente a dei coccodrilli, non a dei galletti. Boh.. da dove mi sia venuto "galletti" non lo so proprio !!
 



 
Ultima modifica di RayDonovan il Gio 07 Mar, 2019 07:13, modificato 1 volta in totale 
ProfiloInvia Messaggio Privato 
Torna in cimaVai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:   
 

Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Pagina 1 di 2
Vai a 1, 2  Successivo

Online in questo argomento: 0 Registrati, 0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti Registrati: Nessuno


 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files
Non puoi scaricare gli allegati
Non puoi inserire eventi calendario